13 Dicembre 2018
[]

news
percorso: Home > news > Le interviste

Le interviste: STORIE DI GUERRA

28-05-2013 18:42 - Le interviste
Catania dopo i bombardamenti del 1943
Gli invisibili sono da sempre particolarmente adatti a fare la guerra e a diventare militi ignoti, medaglie alla memoria o, come si dice oggi con un´orribile espressione, "effetti collaterali": morti anonimi ed inutili, uccisi per errore e senza colpa, privi di ogni possibilità di difesa.
Nel 2000 a Patti la guerra si considera soprattutto un´occasione di lavoro, nella forma dell´arruolamento volontario nell´Esercito, che, soprattutto al Sud, insieme all´arruolamento negli altri Corpi dello Stato, è l´unica alternativa ad un´occupazione precaria e sottopagata.
Nel secolo scorso, invece, la guerra è passata da Patti con i funerali ed i corpi dei giovani, avvolti nel tricolore, che tornavano dal fronte delle due Guerre Mondiali o delle spedizioni coloniali, e che restano giovani per sempre sulle lapidi dell´Oltre-Provvidenza.
Per breve tempo, però, nell´agosto del 1943, anche qui la guerra si è concretizzata più direttamente, con il rombo e le devastazioni delle bombe alleate, che hanno martellato soprattutto la zona a ridosso del torrente Provvidenza, e con il passaggio delle truppe tedesche e di quelle americane.
Alcuni invisibili, che vivevano nei rioni storici più vicini al fiume, sono rimasti vittime di quel bombardamento e la memoria collettiva di quei fatti è mantenuta ben viva, in quei quartieri dimenticati, dalle case rimaste ancora oggi devastate dalle bombe.
Documenti allegati
Dimensione: 32,35 KB

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio