17 Novembre 2018
[]

news
percorso: Home > news > News Generiche

IL SILENZIO DEL POTERE

12-05-2018 09:08 - News Generiche
Da anni, ormai, si parla di trasparenza della Pubblica Amministrazione e della possibilità del cittadino di seguire l´iter delle proprie richieste e di ottenerne entro 30 giorni l´accoglienza o almeno una motivazione del rigetto o del ritardo nel procedimento (dato che la giurisprudenza ha ormai affermato il principio che "il silenzio-rifiuto" è assimilabile all´omissione degli atti d´ufficio).
Analogamente il principio di imparzialità dovrebbe garantire l´indipendenza del procedimento amministrativo dalle valutazioni politiche degli amministratori eletti e tutelare la piena autonomia degli uffici.
Ma come spesso accade nel nostro paese la realtà è tutt´altra e il potere si fa quasi un vanto di ignorare le istanze di chi non sta dalla sua parte, costringendolo a continui solleciti o al ricorso all´autorità giudiziaria, fiducioso nel fatto che una larghissima maggioranza finisce per arrendersi (anche solo per mancanza di tempo), rassegnandosi ad essere un "cittadino di serie B", dato che non è salito per tempo sul carro del vincitore.
Così nel nostro paese, dopo aver apertamente (e inutilmente) osteggiato le Consulte Territoriali dei cittadini, tentando prima di cancellarle dallo Statuto Comunale e poi di modificarne radicalmente il Regolamento, l´amministrazione in carica ha scelto la strada dell´omissione: dapprima ritardando l´emissione del Bando di rinnovo, ora rinviando di continuo la proclamazione delle Consulte e quindi l´avvio ufficiale della loro attività. Siamo oggi in attesa di vedere se la richiesta ufficiale di sollecito alla proclamazione, indirizzata dal Coordinatore cittadino al Segretario Generale del Comune, avrà qualche effetto o se saranno necessari altri passi formali ed altre forme di protesta, come l´autoconvocazione.
Un altro caso clamoroso di colpevole omissione ha rischiato pochi giorni fa di provocare il taglio di un albero secolare di pino, che sorge all´ingresso della Biblioteca Comunale, in una Villa della Marina di Patti. Un privato, che abita a pochi metri dall´albero, ha richiesto per mesi al Comune la verifica della stabilità dell´albero, ma nel perdurante silenzio del potere locale si è dovuto rivolgere alla magistratura, che ha ordinato una perizia e la messa in sicurezza con funi dell´albero. Il Comune però ha continuato ostinatamente a tacere, sperando forse nell´ingiunzione all´abbattimento, così gradita a questa amministrazione. Si è finalmente deciso ad intervenire, ammantandosi di un ambientalismo che mal gli si addice, solo quando l´Ufficiale Giudiziario ha disposto il taglio indicando lui una determinata ditta. A quel punto, dato che le sfuggiva il guadagno per le sue ditte di fiducia e sfumava forse anche la consueta destinazione della legna ricavata, la Giunta ha emesso un tardivo provvedimento di messa in sicurezza. La pressione degli ambientalisti e dell´opinione pubblica, stanca di vedersi privare dell´ennesimo albero e per la seconda volta di un albero monumentale (dopo la palma centenaria della villa comunale) ha ottenuto una proroga dall´avvocato del privato e, tra il 21 e il 24 maggio, una ditta specializzata di Torino procederà all´intervento, dopo due anni di silenzio e di omissioni.
Ma restiamo ottimisti: per fortuna i cattivi amministratori passano, mentre l´impegno dei cittadini non può che aumentare, per tutelare il territorio e i diritti comuni dal silenzio del potere.


[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio